Domenica 8 novembre e 13 dicembre 2015, 17 gennaio e 14 febbraio 2016
ore 17.30
Teatro Ferrara Off


In collaborazione con la Fondazione Ferrara Arte
 

DE CHIRICO A FERRARA
Metafisica e avanguardie
 

Ferrara Off propone un percorso di approfondimento alla mostra che si terrà dal 14 novembre al 28 febbraio presso Palazzo dei Diamanti. Come già accaduto in occasione de “La rosa di fuoco”, si prevedono letture di testi autografi dei pittori all'interno dell’esposizione e lezioni incentrate sulla figura di De Chirico presso il teatro Ferrara Off.

Le lezioni saranno tenute dall’arch. Giacomo Cossio che descrive così i suoi obiettivi: 
“Partendo dalla vita, dalla biografia dell’uomo Giorgio De Chirico, vorrei provare a comprendere tutte le facce di una pittura - la sua - che si apre al nuovo, ma si trova a polemizzare, in varie fasi, con l’arte contemporanea.
De Chirico quindi originalissimo artista metafisico, ma anche reazionario e antiavanguardista.
Queste due facce, che coesistono nella figura di De Chirico, permettono di arrivare all’arte contemporanea analizzandone  le immense aperture e le tragiche fragilità.
Le domande che molti si pongono davanti al contemporaneo sono: 'cosa vuol dire?',  'cosa significa?', 'ma… lo potevo fare anch’io...'. Personalmente credo siano una conseguenza drammatica della distanza che si è creata tra la creatività e il vivere, se non addirittura, il sentire comune. 
Si parte quindi da De Chirico, che in età avanzata polemizzava con l’arte che aveva abbandonato le radici tecniche e contenutistiche, per arrivare a domandarci: cosa si è perduto oggi di ciò che ci ha fatto grandi ieri? E come mai non riusciamo più a riconoscere la bellezza che ancora si genera intorno a noi?”.


Negli stessi weekend delle lezioni, presso Palazzo dei Diamanti
sabato 12 e domenica 13 dicembre 2015,
sabato 16 e domenica 17 gennaio 2016,
sabato 13 e domenica 14 febbraio 2016,

dalle 11.00 alle 17.00, a ripetizione
(domenica 14 febbraio anche dalle 20.30 alle 22.00)

Lettura di testi autografi dei pittori presenti nella mostra

a cura di Giulio Costa, Roberta Pazi e Marco Sgarbi

(illustrazione tratta dal catalogo "De Chirico a Ferrara. Metafisica e avanguardie")